Radoš-Perković, Katja

Il patriottismo iscritto nei fenomeni naturali in due libretti d’opera dell’epoca romantico- risorgimentale: Porin di Dimitrija Demeter (1851) e I lombardi alla prima crociata di Temistocle Solera (1843) / Radoš-Perković, Katja. - 317-332 str.

La ricerca parte dalla premessa che i due libretti presi in considerazione per questa analisi hanno significati profondamente diversi nelle culture alle quali appartengono. I Lombardi di Giuseppe Verdi sono considerati un’opera giovanile del compositore, tra i primi successi dopo il Nabucco, che in seguito rimarrà reclusa tra le meno note e allestite rispetto ai titoli posteriori. Il Porin di Vatroslav Lisinski, d’altro canto, anche se terminato nel 1851, è stato messo in scena nella versione integrale molto più tardi, solo nel 1897, e rappresenta oggi uno dei cardini dell’opera lirica romantica croata. Il confronto parte da due elementi che i libretti hanno in comune: innanzitutto, lo sfondo storico medievale ; e poi il messaggio politico in parte esplicito derivato dal fatto che in entrambe le opere il popolo che combatte contro il nemico è quello dei rispettivi autori. La ricerca si prefigge di individuare nei versi dei due libretti le figure retoriche o idiomatiche che fanno riferimento ai fenomeni naturali o alle condizioni atmosferiche quali il giorno, la notte, il sorgere del sole, il tramonto, il vento, la tempesta, lampi e tuoni e simili, e di classificarle secondo i significati traslati che veicolano, in particolare quelli patriottici e politici, nonché di indagare sulle eventuali convergenze e divergenze contenute nei significati tra il libretto croato e quello italiano.


ITA

Powered by Koha