Normal view MARC view ISBD view

Memoria e oblio del testo: performatività della citazione in Petrarca / Morana Čale.

By: Čale, Morana.
Material type: ArticleArticleDescription: 37-53 str.ISBN: 978 90 8142 540 7.Other title: Memory and Oblivion of the Text: The Performativity of Citation in Petrarch [Naslov na engleskom:].Subject(s): 6.03 | memoria, oblio, performativo, citazione, Petrarca hrv | memory, oblivion, performative, quotation, Petrarch eng In: Tempo e memoria nella lingua e nella letteratura italiana. Vol. II: Letteratura dalle origini all’Ottocento str. 37-53Bastiaensen, Michel et al.Summary: Il testo della canzone petrarchesca 'Lasso me, ch’i’ non so in qual parte pieghi' (Rvf 70) consegue la sua ambigua produttività grazie a un ricorso peculiare al consacrato procedimento dei versus cum auctoritate. Il presente saggio indaga sulle modalita' in cui il testo della canzone 70, con il moto centripeto per mezzo del quale pare teso a costruire l’interiorità dell’io lirico - che aspira ad acquisire un discernimento tale da penetrare «adentro» (v. 43), cioè, dentro all’anima della cosa soppiantata dalla parola, e con ciò a conformarsi esso stesso alla sostanza spirituale e tramutarsi in un “dentro” - presenti un esempio particolare di come un moto contrario, centrifugo, esponga il soggetto autodiegetico, suo malgrado, a quello che Foucault (a proposito della prosa di Blanchot) indica come «esperienza del fuori».
Tags from this library: No tags from this library for this title. Log in to add tags.
No physical items for this record

Il testo della canzone petrarchesca 'Lasso me, ch’i’ non so in qual parte pieghi' (Rvf 70) consegue la sua ambigua produttività grazie a un ricorso peculiare al consacrato procedimento dei versus cum auctoritate. Il presente saggio indaga sulle modalita' in cui il testo della canzone 70, con il moto centripeto per mezzo del quale pare teso a costruire l’interiorità dell’io lirico - che aspira ad acquisire un discernimento tale da penetrare «adentro» (v. 43), cioè, dentro all’anima della cosa soppiantata dalla parola, e con ciò a conformarsi esso stesso alla sostanza spirituale e tramutarsi in un “dentro” - presenti un esempio particolare di come un moto contrario, centrifugo, esponga il soggetto autodiegetico, suo malgrado, a quello che Foucault (a proposito della prosa di Blanchot) indica come «esperienza del fuori».

Projekt MZOS 130-1301070-1064

ITA

There are no comments for this item.

Log in to your account to post a comment.

Powered by Koha

//