Normal view MARC view ISBD view

Élites ecclesiastiche e renovatio: tradizioni tardoantiche nell'arte di VIII e IX secolo in Istria / Jurković, Miljenko ; Basić, Ivan.

By: Jurković, Miljenko.
Contributor(s): Basić, Ivan [aut].
Material type: ArticleArticleDescription: 289-302 str.Other title: Ecclesiastical elites and Renovatio: traditions of Late Antiquity in the Art of 8th and 9th Centuries in Istria [Naslov na engleskom:].Subject(s): 6.05 | Architettura, scultura, Istria, tarda antichita, alto medio evo hrv | Architecture, Sculpture, Istria, Late Antiquity, Early Middle Ages eng In: Ideologia e cultura artistica tra Adriatico e Mediterraneo orientale (IV-X secolo). Il ruolo dell'autorita ecclesiastica alla luce di nuovi scavi e ricerche (26-29. 11. 2007. ; Bologna-Ravenna, Italija) Ideologia e cultura artistica tra Adriatico e Mediterraneo orientale (IV-X secolo). Il ruolo dell'autorita ecclesiastica alla luce di nuovi scavi e ricerche. Atti del Convegno Internazionale, Bologna-Ravenna, 26-29 Novembre 2007 str. 289-302Farioli Campanati, Raffaella ; Rizzardi, Clementina ; Porta, Paola ; Augenti, Andrea ; Baldini Lippolis, IsabellaSummary: L'autore presenta le nuove ricerche sull'arte fra il VI e il IX secolo in Istria. Mentre nei primi secoli c'era una crisi economica, la rinnovazione di tutta la provincia comincia con l'arrivo dei Carolingi. Si tratta di influssi dell'ultimo periodo Longobardo - rinascenza Liutprandea e dei influssi Carolingi. I primi decenni del dominio carolingio in Istria furono caratterizzati da un ampio e intenso fervore edilizio legato principalmente alle élites ecclesiastiche e politiche. I Carolingi, infatti, arrivati in Istria negli anni anni Ottanta dell’ VIII secolo, instaurarono il proprio potere tramite un dux e fondarono la diocesi di Cittanova, il cui episcopus histriensis fu subordinato al patriarca di Aquileia, a differenza di altre antiche diocesi istriane legate al patriarca di Grado. Da qui i Carolingi ampliarono i loro domini verso sud-est, contrassegnandone l’ appartenenza anche con elementi distintivi esterni, in particolare attraverso l’ architettura intesa come specificita ideologica.
Tags from this library: No tags from this library for this title. Log in to add tags.
No physical items for this record

Koautor teksta nije sudjelovao u pozvanom izlaganju.

L'autore presenta le nuove ricerche sull'arte fra il VI e il IX secolo in Istria. Mentre nei primi secoli c'era una crisi economica, la rinnovazione di tutta la provincia comincia con l'arrivo dei Carolingi. Si tratta di influssi dell'ultimo periodo Longobardo - rinascenza Liutprandea e dei influssi Carolingi. I primi decenni del dominio carolingio in Istria furono caratterizzati da un ampio e intenso fervore edilizio legato principalmente alle élites ecclesiastiche e politiche. I Carolingi, infatti, arrivati in Istria negli anni anni Ottanta dell’ VIII secolo, instaurarono il proprio potere tramite un dux e fondarono la diocesi di Cittanova, il cui episcopus histriensis fu subordinato al patriarca di Aquileia, a differenza di altre antiche diocesi istriane legate al patriarca di Grado. Da qui i Carolingi ampliarono i loro domini verso sud-est, contrassegnandone l’ appartenenza anche con elementi distintivi esterni, in particolare attraverso l’ architettura intesa come specificita ideologica.

Projekt MZOS 130-1300623-0622

ITA

There are no comments for this item.

Log in to your account to post a comment.

Powered by Koha

//