Normal view MARC view ISBD view

La crocifissione di Kraljeva Sutjeska / Cvetnić, Sanja.

By: Cvetnić, Sanja.
Material type: ArticleArticlePublisher: 2015Description: 151-154 str.Other title: Crucifixion from Kraljeva Stujeska [Naslov na engleskom:].Subject(s): 6.05 | Stjepan Dragojlović, commissione, Baldassare D'Anna, Bosnia | Stjepan Dragojlović, commission, Baldassare D'Anna, Bosnia In: Aldèbaran III : storia dell'arte str. 151-154Summary: A Kraljeva Sutjeska (lat. Curia bani), «nell'antico convento francescano, sotto la leggendaria roccaforte di Bobovac, nel cuore della Bosnia», si trova un quadro della Crocifissione, particolare per la sua storia. Nel poco conosciuto patrimonio pittorico della provincia francescana di Bosnia Argentina, la Crocifissione di Kraljeva Sutjeska spicca per la rivelazione offerta da un cartello dipinto, posizionato sotto la figura di Santa Maria Maddalena. Oltre a lei ed altri due dolenti testimoni della Crocifissione – la Vergine e San Giovanni Evangelista – sotto la croce sono San Francesco d'Assisi a sinistra e Santo Stefano, protomartire a destra. Sul cartello – che sembra un foglio piegato in quattro ed apperto – c'è scritto in alfabeto cirilico occidentale semicursivo (detto bosancica), in lingua croata: «Il 2 luglio 1597 a Venezia io Stjepan [Stefano] Dragoilovich ho fatto fare questo in Gloria di Dio in occasione del felice compleanno 28.» In testo cinque volte appare l'omega del alfabeto greco invece della lettera «o». Gl'iniziali «SD» dentro la cartouche sono divisi da una croce semplice e da una stella a otto raggi. Il quadro fu pubblicato per la prima volta da fra Rafo Barišić nel 1890, come opera del Dragoilovich, iniziando così un lungo malinteso e una piacevole leggenda sul Dragoilovich come il pittore locale che fu educato a Venezia ed operò in Bosnia ottomana, che hanno resistito fin'oggi. Comunque, le fisionomie di San Francesco e Santa Maria Maddalena, il trattamento dei capelli di San Giovanni e qualche altro particolare leggibile, fa pensare di nuovo ad «un conservatore, che s'attiene ad una cultura fondalmentalmente tardoimanieristica, imponendola con accenti più accademici», come Rodolfo Pallucchini ha definito Baldassare d'Anna.
Tags from this library: No tags from this library for this title. Log in to add tags.
No physical items for this record

A Kraljeva Sutjeska (lat. Curia bani), «nell'antico convento francescano, sotto la leggendaria roccaforte di Bobovac, nel cuore della Bosnia», si trova un quadro della Crocifissione, particolare per la sua storia. Nel poco conosciuto patrimonio pittorico della provincia francescana di Bosnia Argentina, la Crocifissione di Kraljeva Sutjeska spicca per la rivelazione offerta da un cartello dipinto, posizionato sotto la figura di Santa Maria Maddalena. Oltre a lei ed altri due dolenti testimoni della Crocifissione – la Vergine e San Giovanni Evangelista – sotto la croce sono San Francesco d'Assisi a sinistra e Santo Stefano, protomartire a destra. Sul cartello – che sembra un foglio piegato in quattro ed apperto – c'è scritto in alfabeto cirilico occidentale semicursivo (detto bosancica), in lingua croata: «Il 2 luglio 1597 a Venezia io Stjepan [Stefano] Dragoilovich ho fatto fare questo in Gloria di Dio in occasione del felice compleanno 28.» In testo cinque volte appare l'omega del alfabeto greco invece della lettera «o». Gl'iniziali «SD» dentro la cartouche sono divisi da una croce semplice e da una stella a otto raggi. Il quadro fu pubblicato per la prima volta da fra Rafo Barišić nel 1890, come opera del Dragoilovich, iniziando così un lungo malinteso e una piacevole leggenda sul Dragoilovich come il pittore locale che fu educato a Venezia ed operò in Bosnia ottomana, che hanno resistito fin'oggi. Comunque, le fisionomie di San Francesco e Santa Maria Maddalena, il trattamento dei capelli di San Giovanni e qualche altro particolare leggibile, fa pensare di nuovo ad «un conservatore, che s'attiene ad una cultura fondalmentalmente tardoimanieristica, imponendola con accenti più accademici», come Rodolfo Pallucchini ha definito Baldassare d'Anna.

Projekt MZOS projekt

ITA

There are no comments for this item.

Log in to your account to post a comment.

Powered by Koha

//