Normal view MARC view ISBD view

Talijanski jug u povijesti, kulturi i na filmu / Etami Borjan.

By: Borjan, Etami.
Material type: ArticleArticleDescription: 103-124 str.Other title: The Italian south in history, culture and on film [naslov na eng.] | Il Mezzogiorno nella storia, cultura e nel cinema italiano [Naslov na tal.].Subject(s): Southern Question; the Italian South on screen; magic; Christianity and paganism; ethnographic film; Mafia on screen eng | questione meridionale; Mezzogiorno nel cinema italiano; magia; sincretismo cristiano-pagano; cinema etnografico; mafia nel cinema itaOnline resources: Pristup tekstu - Hrčak In: Književna smotra : časopis za svjetsku književnost (2017), 49=186, 4 ; str. 103-124Summary: The Italian South has been represented through the stereotypes of violence, economic underdevelopment, age-old traditions, isolation and poverty. Over the decades cinema has played a pivotal role in creating and promoting an exotic image of the South. The notion of the domestic Other coming from the Italian South, is still discussed in Italian politics, sociology, cinema and media. However, neo-colonial representation of the South has changed in the last two decades; new, young and local filmmakers have started addressing present socio-political situation in Southern regions from a different perspective. The essay explores how and why the forceful rhetoric of North versus South has taken hold in Italy and how the notion of margin or cultural border, as the South is usually referred to, has been created and perpetuated in politics, anthropology, literature and cinema. The article is divided in three parts: the first part is a historical overview of discursive mechanisms used in politics, history and anthropology; the second part presents the most prominent post-war documentaries on the South inspired by the research of the Italian ethnologist Ernesto De Martino; the third part focuses on the representation of the Italian South in Italian feature films from the 1950s up to the present day. Through the analysis of the selected films the author outlines the main tendencies in the representation of the South on screen.Summary: Il Mezzogiorno è stato spesso rappresentato in maniera riduttiva e stereotipata tramite immagini di violenza, sottosviluppo, tradizioni arcaiche, isolamento e povertà. Per decenni il cinema ha promosso un’immagine esotica del Mezzogiorno. La nozione del Mezzogiorno come l’Altro è tuttora presente nella politica, sociologia, cinema e nei mass media. Negli ultimi due decenni, grazie a una nuova generazione di cineasti meridionali, il modello di rappresentazione neocoloniale della situazione socio-politica nel Mezzogiorno è stato sostituito dalle forme narrative innovative e da diversi punti di vista. Il presente lavoro analizza le origini del rapporto conflittuale tra il Nord e il Sud e del concetto della frontiera culturale nella politica, antropologia, letteratura e cinema. L’articolo è diviso in tre parti: nella prima parte sono rappresentate le strategie discorsive presenti nella politica, storia e antropologia; nella seconda parte sono analizzati i più importanti documentari del secondo dopoguerra ispirati alle ricerche dell’etnologo Ernesto De Martino; nella terza parte, invece, sono analizzati i film di finzione dagli anni ’50 fino ai giorni nostri. Attraverso le analisi delle opere cinematografiche sono indicate le principali tendenze nella rappresentazione del Mezzogiorno nel cinema italiano.
Tags from this library: No tags from this library for this title. Log in to add tags.
No physical items for this record

The Italian South has been represented through the stereotypes of violence, economic underdevelopment, age-old traditions, isolation and poverty. Over the decades cinema has played a pivotal role in creating and promoting an exotic image of the South. The notion of the domestic Other coming from the Italian South, is still discussed in Italian politics, sociology, cinema and media. However, neo-colonial representation of the South has changed in the last two decades; new, young and local filmmakers have started addressing present socio-political situation in Southern regions from a different perspective. The essay explores how and why the forceful rhetoric of North versus South has taken hold in Italy and how the notion of margin or cultural border, as the South is usually referred to, has been created and perpetuated in politics, anthropology, literature and cinema. The article is divided in three parts: the first part is a historical overview of discursive mechanisms used in politics, history and anthropology; the second part presents the most prominent post-war documentaries on the South inspired by the research of the Italian ethnologist Ernesto De Martino; the third part focuses on the representation of the Italian South in Italian feature films from the 1950s up to the present day. Through the analysis of the selected films the author outlines the main tendencies in the representation of the South on screen.

Il Mezzogiorno è stato spesso rappresentato in maniera riduttiva e stereotipata tramite immagini di violenza, sottosviluppo, tradizioni arcaiche, isolamento e povertà. Per decenni il cinema ha promosso un’immagine esotica del Mezzogiorno. La nozione del Mezzogiorno come l’Altro è tuttora presente nella politica, sociologia, cinema e nei mass media. Negli ultimi due decenni, grazie a una nuova generazione di cineasti meridionali, il modello di rappresentazione neocoloniale della situazione socio-politica nel Mezzogiorno è stato sostituito dalle forme narrative innovative e da diversi punti di vista. Il presente lavoro analizza le origini del rapporto conflittuale tra il Nord e il Sud e del concetto della frontiera culturale nella politica, antropologia, letteratura e cinema. L’articolo è diviso in tre parti: nella prima parte sono rappresentate le strategie discorsive presenti nella politica, storia e antropologia; nella seconda parte sono analizzati i più importanti documentari del secondo dopoguerra ispirati alle ricerche dell’etnologo Ernesto De Martino; nella terza parte, invece, sono analizzati i film di finzione dagli anni ’50 fino ai giorni nostri. Attraverso le analisi delle opere cinematografiche sono indicate le principali tendenze nella rappresentazione del Mezzogiorno nel cinema italiano.

There are no comments for this item.

Log in to your account to post a comment.

Powered by Koha

//